Cavasin concede il bis a Chiassa Superiore

Domenica 25 maggio

Daniele Cavasin concede il bis e lo fa al termine di un serrato testa a testa con il tricolore della cronometro, Davide Martinelli (Colpack) sul traguardo di Chiassa Superiore (Ar).

Il trevigiano, infatti, si è aggiudicato l'arrivo a ranghi compatti che ha fatto calare il sipario sul 5° Gp Sportivi di Chiassa, al termine di una gara in cui non sono mancati i tentativi di fuga. Annullate tutte le velleità degli attaccanti di giornata, gli uomini diretti da Luciano Rui hanno lanciato lo sprint di Cavasin che non ha sbagliato il colpo.

"E' stata una gara molto tirata ma i ragazzi sono stati bravi a controllarla" ha spiegato Luciano Rui "Poi Cavasin ha interpretato nel migliore dei modi lo sprint finale e ha portato a casa un bis molto prestigioso. Sono contento per lui e per l'intera squadra che ha lavorato per tutto il giorno per questo risultato".

Un pizzico di sfortuna in più, invece, ha caratterizzato il Giro della Pesca e Nettarina di Romagna della Zalf Euromobil Désirée Fior: dopo il secondo posto di Andrea Toniatti nella prima tappa con arrivo ad Imola (Bo) ed il terzo conquistato da Gianni Moscon ieri a Palazzuolo sul Senio (Fi), quest'oggi è stato Nicolas Marini a doversi accontentare della piazza d'onore sul traguardo finale di Faenza (Ra).

"Quello che non è ci è mancato in questi giorni è stata proprio la sfortuna" ha sottolineato dopo il traguardo odierno lo sprinter bresciano "A quindici chilometri dall'arrivo ho bucato, Berlato mi ha passato la ruota e ho faticato a rientrare in gruppo perchè la velocità era già altissima. Poi nell'ultima curva c'è stata un pò di confusione e ho perso qualche metro da Mareczko e non ho proprio potuto fare di meglio. Peccato, sarà per la prossima volta."

Quest'oggi nell'ultima curva, a circa 300 metri dall'arrivo di Faenza, è finito a terra anche Gianni Moscon: nonostante questo il trentino ha chiuso in terza posizione nella classifica generale finale a 1'39" dal vincitore Iuri Filosi, davanti ad Andrea Toniatti che è giunto quarto a 1'40" dal capoclassifica.