Daniele Cavasin firma l'ottava a Castel d'Ario!

Martedì 12 Agosto

Una giornata torrida. Una corsa tiratissima, caratterizzata da una bagarre continua e tre atleti della Zalf Euromobil Désirée Fior a braccia alzate sul traguardo. Si è chiusa così la 25^ edizione del Memorial Vincenzo Mantovani, con l'ottava vittoria stagionale di Daniele Cavasin: un atleta maturo, ormai pronto per spiccare il volo tra i professionisti che sulle strade mantovane ha deciso di non attendere lo sprint e ha dato l'ennesimo saggio delle proprie qualità tecniche.

A decidere la classica virgiliana è stata una fuga comprendente Daniele Cavasin, Filippo Conte Bonin, Seid Lizde e Nicola Toffali che ha preso il largo poco dopo metà corsa: da questo drappello di coraggiosi hanno allungato, a trenta chilometri dal traguardo Seid Lizde (Zalf) e Mirco Maestri (General Store). Una accelerazione che ha sparigliato le carte in testa alla corsa e che ha messo alla frusta l'intero plotone al via.

All'imbocco del circuito cittadino di Casteldario, a poco più di 10 chilometri dall'epilogo, se ne vanno in quattro: Daniele Cavasin e Nicola Toffali (Zalf), Mirco Maestri (General Store) e Marlen Zmorka (Palazzago). La rincorsa del gruppo si fa rabbiosa ma il passo del quartetto è ormai irresistibile: poco prima del suono della campana Daniele Cavasin decide di anticipare tutti, saluta gli altri tre compagni di avventura e si invola tutto solo verso il traguardo. L'ottava perla stagionale profuma di professionismo per l'atleta trevigiano mentre alle sue spalle Nicola Toffali regola Maestri e Zmorka per il secondo posto. A precedere la volata del gruppo, poi, ci pensa Eugert Zhupa che con il suo quinto posto completa il 42° trionfo bianco-rosso-verde.

"Anche questa è una vittoria di squadra" ha sottolineato sul palco delle premiazioni Daniele Cavasin "Oggi è stata una giornata durissima nella quale il caldo si è fatto sentire. Volevamo anticipare la volata e ci siamo riusciti; nel finale, quando eravamo rimasti in quattro, Nicola Toffali ha fatto un grande lavoro e io ho potuto rilanciare da solo. La mia condizione in questo periodo è davvero ottimo, sto bene e i risultati mi stanno dando ragione: io credo di essere pronto, aspetto solo che squilli il telefono per avere la possibilità di realizzare il mio sogno tra i professionisti nella prossima stagione".