Zalf Euromobil Désirée Fior già a pieno regime!

Venerdì 15 Gennaio

Prosegue a pieno regime la preparazione in vista del debutto stagionale per la nuova rosa della Zalf Euromobil Désirée Fior forgiata nel corso dei mesi invernali dallo staff di Antonio, Fiorenzo, Gaspare e Giancarlo Lucchetta e di Egidio Fior.

La squadra che ha concluso con il maggior numero di successi le ultime due stagioni si prepara, dunque, per affrontare una nuova sfida dopo aver lanciato al professionismo un'altra generazione di giovani promesse delle due ruote azzurre e aver cambiato ben 14 dei propri 22 elementi.

Anche per questo motivo, a ricoprire un ruolo fondamentale nella costruzione del gruppo 2015, sarà il collegiale di preparazione che si aprirà lunedì 19 gennaio a Riotorto (Li): "Il ritiro in toscana sarà, come sempre, l'occasione per intensificare i nostri allenamenti e per pianificare insieme la prima parte di stagione ma quest'anno avrà un significato ancora più speciale perchè permetterà ai nostri ragazzi di conoscersi meglio e di trovare la giusta intesa" sottolinea il ds Gianni Faresin che, insieme a Luciano Rui, guiderà le operazioni nel quartier generale che sarà fissato per una settimana presso l'Hotel Borgo degli Olivi di Riotorto (Li) "In questi mesi abbiamo potuto svolgere l'intero programma che ci eravamo prefissati senza alcun intoppo: sin qui abbiamo posto delle basi solide sulle quali nelle prossime settimane potremo costruire le nostre ambizioni".

Un lavoro fondamentale quello svolto sino ad oggi in palestra ed in bicicletta dagli atleti in casacca bianco-rosso-verde che, tra meno di quaranta giorni saranno chiamati ad affrontare i primi appuntamenti del nuovo anno: "Dal 21 febbraio seguiremo il calendario classico che ci vedrà impegnati su tutte le classiche italiane di inizio stagione a partire dalla Coppa San Geo e dalla Firenze-Empoli" conferma il team manager Luciano Rui che conclude "La nostra rosa, quest'anno, avrà un'età media piuttosto bassa: anche per questo abbiamo deciso di aumentare il ritmo in maniera graduale per permettere anche ai più giovani di crescere senza alcuna fretta".