Nettarine: Daniel Pearson sale sul podio!

Sabato 30 Maggio

E' stato un sabato ricco di emozioni per la grande famiglia della Zalf Euromobil Désirée Fior; gli atleti dei patron Gaspare Lucchetta ed Egidio Fior, infatti, sono stati assoluti protagonisti sia in Coppa delle Nazioni con il "solito" Gianni Moscon sia nella tappa regina del 20° Giro della Pesca e Nettarina di Romagna IGP grazie alla maiuscola prova offerta dal britannico Daniel Pearson.

Sull'arrivo in salita di Praded (Repubblica Ceca), infatti, Gianni Moscon ha tenuto il passo dei migliori al mondo chiudendo in nona posizione a soli 14" dall'austriaco Gregor Muhlberger e, grazie a questo piazzamento, ad una tappa dal termine, occupa ora la nona piazza in classifica generale.

Dopo il quarto posto centrato ieri ad Imola (Bo) nella frazione d'apertura da Andrea Vendrame oggi è arrivato un terzo posto per Daniel Pearson a Castel del Rio (Bo): nella tappa regina del 20° Giro della Pesca e Nettarina di Romagna IGP, Pearson è uscito in avanscoperta subito dopo il primo dei quattro GPM in programma, quando mancavano ancora ottantina di chilometri al traguardo. Rimasto sempre in testa alla corsa, Pearson ha rilanciato l'azione a trenta chilometri dall'arrivo in compagnia di Rota (Unieuro) e Garosio (Colpack). Nel finale, nonostante sia stato penalizzato in discesa, il ragazzo di Cardiff, classe 1994, è stato bravo a resistere al ritorno del gruppo difendendo con i denti la propria terza posizione. Domani, da Lavezzola a Faenza (Ra) si correrà la terza ed ultima frazione della gara romagnola: sulla carta sarà una passerella dedicata alle ruote veloci e, salvo imprevisti, Pearson potrebbe festeggiare il terzo posto anche nella classifica finale. Buona anche la prova offerta dall'enfant du pays, Simone Velasco che ha chiuso in nona piazza conquistando la stessa posizione anche in classifica generale.

"Pearson è stato bravo ad inserirsi in quell'azione partita da lontano che ha deciso le sorti della corsa" ha commentato il ds Gianni Faresin "Tutti pensavano che, vista la durezza del percorso, fosse troppo presto per attaccare ma Dan (Pearson, ndr) ha dimostrato di avere le gambe, il cuore e la testa necessari per giungere fino in fondo. Garosio e Rota hanno avuto più lucidità nel finale ma per noi resta comunque un buon terzo posto. Domani difenderemo la sua medaglia di bronzo e poi, in caso di arrivo allo sprint punteremo tutto su Marco Maronese".