A Punta Marina Colbrelli firma la perla n° 20!

Venerdì 28 Maggio

La 20^ perla stagionale dello straordinario 2010 targato Zalf Desirèe Fior porta la firma di un velocista di razza: quella di Sonny Colbrelli; il bresciano volante ha infatti centrato la terza frazione del Giro delle Pesche Nettarine, quella completamente pianeggiante che si è corsa con partenza da Medicina e arrivo a Punta Marina (Ra).

Una vittoria netta, quella conquistata dal ragazzo diretto da Gianni Faresin, costruita grazie al generoso lavoro svolto lungo tutti i 153 km in programma dai compagni di squadra; in una giornata piatta, nella quale anche il meteo non ha riservato sorprese è stato l’allungo portato da Marco Canola, ad una quindicina di chilometri dal termine, a mettere alla frusta l’intero gruppo. Sulla scia del vicentino si portavano in tre che procedevano di comune accordo arrivando a conquistare una ventina di secondi sulle avanguardie del plotone. Un’azione perfettamente riuscita quella che gli zalfini avevano studiato a tavolino che ha costretto le squadre avversarie a svolgere un lavoro extra per ricucire lo strappo. Il ricongiungimento avvenuto nel corso dell’ultimo chilometro si è rivelato il trampolino di lancio ideale per Sonny Colbrelli che non ci ha pensato due volte a piazzare la zampata vincente dopo che già ieri aveva preceduto l’intero gruppo conquistando un importante medaglia d’argento alle spalle del fuggitivo Omar Lombardi.

Con il successo odierno, Sonny Colbrelli ha conquistato anche la seconda posizione in classifica generale "Una posizione difficile da difendere nei prossimi giorni in cui l’altimetria sembra essere proibitiva per un velocista come Sonny" spiega un soddisfatto Gianni Faresin nel dopo tappa "Per questo dovremo attaccare ancora con Canola, Pasqualon e Cecchinel; quel che è certo è che una tappa ora è nostra e questo rende altamente positiva la trasferta in romagna".

Una trasferta che proseguirà domani con la quarta tappa, da Cotignola ad Imola per chiudersi domenica con l’impegnativa Mordano-Faenza che dovrebbe modellare definitivamente una classifica generale ancora comandata dall’alfiere dell’Unidelta, Omar Lombardi.