Boem firma il riscatto in Valle d’Aosta

Domenica 29 Agosto

Che sia un successo liberatorio lo si capisce guardando all’esultanza: sul traguardo di Ville La Grand Nicola Boem passa agitando i pugni verso il cielo e saltellando sulla sella per festeggiare una vittoria che lo riporta a galla dopo alcuni mesi difficili.

A riscattare una settimana difficile che ha visto gli zalfini diretti da Luciano Rui sempre protagonisti delle fughe di giornata, ma sfortunati assenti dagli ordini d’arrivo è l’ultimo arrivato in casa Zalf a regalare la gioia più grande: giunto da poco più di un mese, in seguito alla prematura scomparsa di uno dei più grandi ds come Fortunato Cestaro, Nicola Boem conferma così di essere una delle più belle realtà del ciclismo italiano.

Dopo Gazzara, che aveva conquistato il primo successo di tappa al Giro della Valle d’Aosta numero 47, e a due anni di distanza dalla volata vincente messa a segno sullo stesso traguardo da Simone Ponzi, Nicola Boem è l’unico italiano a potersi fregiare di una vittoria di tappa che inevitabilmente lo rilancia in prospettiva mondiale. "Conoscevo le qualità di Nicola e per questo sono stato felice di accoglierlo tra le nostre fila: sono contento che per lui sia arrivata questa vittoria che lo ripaga dei tanti sacrifici fatti in questi mesi e che gli da il morale giusto per fare bene in questo ultimo mese di gare" ha commentato Luciano Rui di ritorno dalla Vallèe al termine di una settimana decisamente intensa.

Una fucilata, quella che Boem ha piazzato ai piedi della rampa che conduceva sul traguardo di Ville La Grand, un’azione splendida che gli ha permesso di liberarsi della compagnia della coppia della Trevigiani composta da Graziato e Sgrinzato, con cui era scattato a poco meno di cinque chilometri dall’arrivo.

"Sapevo che questo traguardo si addiceva alle mie caratteristiche" ha spiegato Boem "Avrei potuto puntare alla vittoria anche ieri se non fosse arrivata quella fuga, oggi ci ho riprovato ed è andata bene; voglio dedicare questo successo a tutta la squadra che mi ha accolto sin da subito lasciandomi allenare con tranquillità per ritrovare questa forma fisica che mi consente di essere competitivo anche a grandi livelli."

Stasera il rientro a Castelfranco Veneto, martedì, poi, le ruote torneranno a girare per la classica infrasettimanale di Sommacampagna, dove Boem, Pasqualon e compagni avranno la possibilità di mettere a frutto le fatiche del Giro della Valle d’Aosta.