San Vendemiano: Moscon si prende la rivincita sull'Australia

Domenica 10 Maggio

Gianni Moscon firma il poker e lo fa su di un traguardo prestigioso ed internazionale come quello del Trofeo Città di San Vendemiano, succedendo al vicentino Giacomo Berlato che lo aveva fatto proprio lo scorso anno. Decisiva, nella storia della gara trevigiana, l'ultima scalata al Muro di Cà del Poggio che ha visto Gianni Moscon e l'australiano Robert Power salutare il resto della compagnia per involarsi verso il traguardo. Gli ultimi chilometri di melina, in attesa dello sprint a due, hanno permesso a Stefano Nardelli di riportarsi sulla coppia di testa proprio negli ultimi 500 metri. "Sapevamo che tra noi e il gruppo c'erano 30-40 secondi e sapevamo che in mezzo c'era un corridore" ha spiegato dopo il traguardo Gianni Moscon "Ma ci sentivamo abbastanza sicuri e per questo abbiamo rallentato un pò l'andatura nel finale per tenere le energie per la volata. Quando Nardelli ci ha raggiunti e superati mi ha lasciato un pò sorpreso ma a quel punto non c'era tempo per pensare. Ho messo il rapporto lungo, ho lanciato la mia volata e sono riuscito a prendermi la vittoria: ci tenevo a fare bene su questo traguardo".

Una gioia immensa quella regalata da Gianni Moscon ai patron Gaspare Lucchetta ed Egidio Fior ma anche una rivincita personale sulla compagine australiana che lo aveva costretto ad accontentarsi della seconda piazza in Coppa delle Nazioni, al Giro delle Fiandre U23: "Dopo il Palio del Recioto ormai facciamo una a testa (ride, ndr). Scherzi a parte, è stato bello vincere oggi qui e sentire il tifo della gente per noi. Devo ringraziare la squadra che anche oggi ha corso in maniera perfetta. Ora mi prenderò qualche giorno per recuperare le energie, a fine mese mi aspetta un'altra trasferta con la nazionale in Coppa delle Nazioni e poi ci saranno i campionati italiani da preparare" ha concluso Moscon. A strappare gli applausi del folto pubblico di San Vendemiano anche l'ottavo posto di Simone Velasco.

Ma l'intensa domenica della Zalf Euromobil Désirée Fior racconta anche dei piazzamenti conquistati con generosità da Nicolò Rocchi (4°) e Nicola Toffali (6°) al Trofeo Matteotti di Marcialla (Fi) e della beffa subita da Marco Maronese e Filippo Rocchetti, bravi ad azzeccare la fuga giusta ma giunti rispettivamente secondo e terzo sul traguardo di Pregnana Milanese (Mi) alle spalle del veronese Leonardo Fedrigo. La formazione trevigiana tornerà in gruppo martedì per la tradizionale Coppa Cicogna in programma a Terranuova Bracciolini (Ar).