Weekend d’argento con Collodel, Gomirato e Benfatto

Lunedì 15 Marzo

E’ stato un fine settimana decisamente sfortunato quello appena conclusosi per la Zalf Desirèe Fior: nonostante l’ottimo stato di forma e le buone prove offerte dai ragazzi di Rui, Camillo e Faresin, infatti, è mancato l’acuto vincente e sono proliferati i piazzamenti.
Se il rammarico più grande arriva da Palazzolo (Bs), dove si correva l’internazionale Franco Balestra, anche la batteria dei velocisti scesa in campo a Marzolara (Pr) e Pianzano (Tv) ha dovuto fare i conti con un Giacomo Nizzolo in stato di grazia, ma andiamo con ordine.

Sabato, sul tracciato di Marzolara, Davide Gomirato è arrivato ad un soffio dal successo, chiudendo la propria volata in seconda posizione, a pochi centimetri da Nizzolo; tra i piazzati, in una gara veloce che ha avuto nello sprint a ranghi compatti il proprio epilogo più scontato, anche Edoardo Costanzi che ha chiuso in settima posizione.

Il vincitore di Belricetto, ha migliorato il proprio piazzamento nella giornata di domenica, quando a Pianzano, in una "volata fotocopia" ha conquistato il bronzo; sulle strade della "Marca" a vincere è stato ancora una volta il portacolori della Trevigiani, mentre la piazza d’onore è andata a Marco Benfatto, tornato a sgomitare alla ricerca del primo successo stagionale.
Il tris d’argento è stato così completato al Trofeo Balestra, la gara internazionale che già nel 2009 aveva visto chiudere in secondo posizione Sacha Modolo ha ritrovato un uomo in maglia biancorossoverde sul podio: dopo la selezione determinata dalla scalata al Gandosso, infatti, Matteo Collodel, è stato l’unico italiano in grado di contrastare il finale travolgente del russo Mironov, ma nulla ha potuto contro l’ultimo allungo dell’atleta della Katusha Continental. Dopo Trieste, dunque, ancora un piazzamento internazionale per i ragazzi di Castelfranco Veneto che mantengono comunque la palma dei migliori italiani al traguardo; piazzamenti importanti anche quelli di Andrea Pasqualon e Marco Canola giunti rispettivamente nono e decimo.

Ad una settimana dall’appuntamento con la Popolarissima, dunque, la strada non boccia le ambizioni di successo del clan castellano che dopo i successi di inizio anno ha dovuto pagare dazio alla sfortuna, di questo avviso anche Luciano Rui "Se al posto di tre secondi posti avessimo ottenuto un solo successo probabilmente il bilancio del fine settimana sarebbe stato più soddisfacente; ho visto però una squadra tonica e competitiva sia negli appuntamenti internazionali che sui circuiti pianeggianti. Questi piazzamenti ci danno la grinta necessaria per presentarci al via delle prossime gare con la voglia di riscattare una settimana un pò così."