La migliore Zalf di sempre celebra i 22 successi

Martedì 1 Giugno

La storia della Zalf Desirèe Fior è ricca di primati, di successi importanti, di firme di lusso e di grandi numeri: ma una statistica assegna alla formazione 2010, guidata con la consueta esperienza e passione da Luciano Rui, Gianni Faresin e Luciano Camillo, un altro record di cui andare assolutamente fieri.

Nella ormai trentennale storia del team di Castelfranco Veneto, infatti, nessuna squadra era riuscita a chiudere la prima parte di stagione, quella che per intenderci comprende le più ambite classiche del calendario dilettanti, con ben 22 successi all’attivo. Non era accaduto nei mitici anni novanta, e nemmeno nel 2006, quando i successi a fine stagione furono la bellezza di 41 ma a questa data non superavano le 18 unità. Meglio avevano fatto i ragazzi dello scorso anno che al 1° giugno potevano vantare 19 perle in bacheca, mentre lo stesso numero di vittorie, 22, fu il bottino di fine stagione della difficile annata targata 2005.

Semplicidatistatistici, come i 48 podi collezionati in 55 gare sin qui disputate: numeri che da soli possono dire ben poco ma che uniti ai nomi e alle immagini delle straordinarie vittorie messe a segno dai 20 atleti che compongono l’attuale rosa del sodalizio bianco-rosso-verde danno l’idea di una prima parte di stagione tramutatasi ben presto in una vera e propria marcia trionfale.

Nel quartier generale di Salvarosa (Tv), minimizzano: patron Egidio Fior ribadisce con serenità che non sono i numeri l’interesse primario della famiglia sostenuta con forza dai fratelli Lucchetta; a chiarire il concetto sono ancora una volta le parole di Luciano Rui "Quello che conta è permettere ai ragazzi che giungono qui da noi di maturare in maniera graduale, permettendo a ciascuno di trovare la propria dimensione: i risultati sono una conseguenza di tutto ciò. Se un atleta sta bene e si sente inserito in un gruppo è stimolato a dare sempre il meglio di sè. Ne sono un esempio i successi di Stefano Agostini e Sonny Colbrelli, recuperati dopo un lungo periodo di stop causato da dei brutti infortuni; ma anche le cinquine messe a segno da Battaglin e Pasqualon parlano di due talenti che sono cresciuti negli anni."

Al ds che insieme a Gianni Faresin, Luciano Camillo, Fabio Mazzer e Giorgio Fiorio può godersi il primato di società plurivittoriosa di questo inizio di 2010 rimangono ancora alcuni sogni da realizzare "Iniziamo con il pensare al prossimo GiroBio: è una corsa che non siamo mai riusciti a vincere, lo scorso anno Gianluca Brambilla finì terzo, quest’anno ci presenteremo al via con una formazione molto competitiva, non sarà facile rivaleggiare alla pari soprattutto con le nazionali straniere, ma proveremo ugualmente a giocarci le nostre carte. Poi sarebbe bello festeggiare i successi di Matteo Busato, Marco Benfatto e Matteo Collodel, altri tre ragazzi ormai maturi che sono stati spesso piazzati e che hanno bisogno di ritrovare il feeling con la vittoria."

Intanto il mese di giugno si aprirà con il Trofeo De Gasperi che si correrà domani con partenza da Bassano del Grappa e arrivo posto a Trento; sabato sarà poi la volta del Trofeo Alfredo Lando di Campagna Lupia (Ve), mentre domenica, in provincia di Verona, si correrà il 53° Gp Sportivi di Roncolevà.