GiroBio, venerdì inizia l’avventura

Martedì 8 Giugno

Dopo un fine settimana di piazzamenti che ha visto Edoardo Costanzi ottenere due medaglie di bronzo negli sprint di sabato a Campagna Lupia (Ve) e domenica a Roncolevà (Vr) e Matteo Marcolin centrare un incoraggiante quarto posto all’internazionale Coppa Della Pace, la Zalf Desirèe Fior guarda avanti e mette nel mirino il GiroBio che scatterà venerdì da Cairo Montenotte.

Nel sestetto selezionato da Luciano Rui, Gianni Faresin e Luciano Camillo non ci sarà Sonny Colbrelli, coinvolto in una brutta caduta nel finale del Trofeo Alfredo Lando di Campagna Lupia: il bresciano non ha riportato gravi conseguenze ma le numerose escoriazioni lo costringeranno a limitare i propri impegni agonistici; per lui ci sarà dunque un periodo di recupero in altura, a Livigno in compagnia degli altri zalfini che stanno preparando l’appuntamento con i tricolori che si correranno a Pieve di Soligo. Al via del Giro d’Italia dilettanti ci saranno invece: Edoardo Costanzi e Davide Gomirato, con lo scopo di domare le volate a ranghi compatti che verosimilmente potrebbero andare in scena sui traguardi di Salsomaggiore Terme (2^ tappa), Ghedi (3^ tappa) e Cesenatico (6^ tappa).

La classifica generale sarà invece il pensiero fisso del tridente d’attacco composto da Diego Zanco, Enrico Battaglin e Stefano Agostini: i tre scalatori del gruppo di Castelfranco Veneto avranno a propria disposizione gli arrivi in quota di Gallio (4^ Tappa) e di Cima Grappa (5^ Tappa) per provare a scavare un solco in classifica da poter difendere nella seconda metà di Giro più adatta ai passisti; carta bianca, invece, per Matteo Busato. Il trevigiano è uomo veloce, in grado di inserirsi nelle fughe da lontano e di tenere sulle medie salite; nel 2009 con la maglia della Fausto Coppi Gazzera chiude il GiroBio in decima posizione confermando di avere le qualità necessarie per puntare al salto verso il professionismo e quest’anno potrebbe essere la sorpresa del gruppo.

"Sarà un Giro molto difficile" ha sottolineato Luciano Rui nel presentare gli uomini che schiererà al via della corsa a tappe più lunga della stagione "Ci sono due tappe chiave che decideranno la classifica generale: quella del monte Grappa e la lunga cronometro di Urbino, ma anche la prima frazione, come le ultime due, è molto adatta alle imboscate e potrebbe riservare diverse sorprese. Arriviamo in ottima forma a questo che per noi è uno degli appuntamenti più importanti del 2010 dovremo essere bravi a correre con attenzione e fantasia."

Poco meno di 1300 i chilometri che gli zalfini dovranno compiere per sognare il successo finale di Gaiole in Chianti, queste le tappe nel dettaglio:

11 Giugno - 1^ Tappa - Cairo Montenotte -> Cairo Montenotte - 111.6 km
12 Giugno - 2^ Tappa - Serravalle -> Salsomaggiore Terme - 168.9 km
13 Giugno - 3^ Tappa - Salsomaggiore -> Ghedi - 155.5 km
14 Giugno - 4^ Tappa - Peschiera del Garda -> Gallio - 154.2 km
15 Giugno - 5^ Tappa - Pozzoleone -> Cima Grappa - 184.1 km

16 Giugno - Riposo

17 Giugno - 6^ Tappa - Castelfranco Emilia -> Cesenatico - 148.2 km
18 Giugno - 7^ Tappa - Tavullia -> Urbino - 30.5 km
19 Giugno - 8^ Tappa - Faenza -> Vitolini - 170.9 km
20 Giugno - 9^ Tappa - Firenze -> Gaiole in Chianti - 153.6 km