Battaglin chiama, Gomirato risponde

Domenica 1 Agosto

E’ un botta e risposta roboante quello mandato in scena dai ragazzi di Luciano Rui e Gianni Faresin tra Frabosa Soprana (Cn) e Arcade (Tv): nel corso della mattinata, di quella che si è rivelata una domenica davvero eccezionale per i colori del sodalizio castellano, Enrico Battaglin ha spianato la breve ma arcigna salita di Frabosa Soprana, dove si concludeva la seconda frazione del Giro delle Valli Cuneesi. Sua la progressione vincente nel concitato finale che l’ha visto giungere in perfetta solitudine sulla fettuccia d’arrivo, splendidamente coperto da Stefano Agostini e Marco Canola giunti rispettivamente quarto e quinto sul traguardo di giornata.

Il successo odierno proietta il vicentino, alla sesta vittoria stagionale, in seconda posizione nella classifica generale, a pari tempo con il nuovo leader della corsa, il campione nazionale venezuelano, Jonathan Monsalve "Si tratta di un successo davvero importante" ha commentato Luciano Rui "Confermiamo così la tradizione che da alcuni anni ci vede vincere almeno una frazione in questa corsa e con Battaglin ora possiamo sperare di ripetere l’exploit del Giro delle Regioni; i giochi sono ancora apertissimi, se ora i distacchi sono solo di una manciata di secondi, sul traguardo di martedì sul Colle Fauniera potrebbero diventare di minuti."

All’acuto vincente del mattino, hanno risposto nel pomeriggio i ragazzi impegnati ad Arcade, sotto la direzione attenta di Gianni Faresin: sul rettifilo d’arrivo della Marca Trevigiana a primeggiare è stato Davide Gomirato. Il velocista veneziano ha così riscattato il terzo posto centrato venerdì sera nella notturna di Rossano Veneto (Vi) da Matteo Busato, precedendo nell’ordine Giacomo Nizzolo (Trevigiani) e il compagno di colori Marco Benfatto. Una volata di potenza quella che è valsa il poker stagionale per Davide Gomirato, frutto ancora una volta dell’ottimo lavoro dell’intera squadra "La corsa si è messa subito bene per noi, con Andrea Vaccher che è stato bravo ad inserirsi nella prima fuga di giornata che ha raggiunto anche i quattro minuti di vantaggio sul resto del gruppo; poi nel finale la presenza di Matteo Busato nell’ultimo tentativo ha costretto le altre squadre ad inseguire ancora." racconta un Gianni Faresin decisamente soddisfatto "A dominare gli ultimi chilometri è stato poi il nostro treno forte di ben 12 atleti, questo ci ha consentito di lanciare al meglio lo sprint ai nostri velocisti, saliti entrambi sul podio."