Vendrame come Andreetta al Belvedere!

Lunedì 6 Aprile

Se la Pasqua era stata da incorniciare, il Lunedì dell'Angelo della Zalf Euromobil Désirée Fior è stato semplicemente indimenticabile. Andrea Vendrame e Marco Maronese sono l'ottavo e il nono atleta della formazione 2015 ad andare a segno in questo straordinario avvio di stagione. L'azione più strepitosa è senza dubbio quella compiuta da Andrea Vendrame nell'internazionale Giro del Belvedere ma anche il poker conquistato da Marco Maronese (1°), Marco Gaggia (2°), Gianmarco Begnoni (3°) e Andrea Toniatti (4°) merita una menzione nell'antologia del ciclismo.

VENDRAME, IL PRIMO SUCCESSO INTERNAZIONALE - Annullata la lunga azione in avanscoperta, tentata da Andrea Borso (Zalf) e Petter Theodorsen (Team Ringeriks Kraft) nella fase centrale di gara, il gruppo si è ricompattato ai piedi della prima scalata al Gpm di Canalet. Lungo le difficili rampe della salita che ha scritto la storia dell’internazionale del lunedì di Pasqua, il plotone si è selezionato con Seid Lizde (Colpack) e Andrea Vendrame (Zalf) che hanno allungato subito dopo il primo GPM di giornata guadagnando una manciata di secondi di vantaggio sul gruppo dei migliori. Nel corso della seconda e ultima ascesa, su Vendrame si sono riportati i più attesi della vigilia, compresi Robert Power (Australia), Silvio Herklotz (Team Stolting), Gregor Mullberger (Team Felbermayr Simplon) e Geoffrey Curran (Axoen Cycling Team); ma è in discesa che è arrivato il capolavoro di Vendrame. Il portacolori della Zalf Euromobil Désirée Fior, sbarazzatosi della compagnia degli avversari, è planato in perfetta solitudine sul rettifilo d’arrivo andando a conquistare la sua prima, prestigiosa, vittoria stagionale.

"Dopo il quarto posto centrato da Moscon ieri a Col San Martino, questa vittoria suggella una prima parte di stagione davvero super per la nostra formazione. Anche oggi abbiamo corso con generosità e intelligenza: l'azione di Borso ci ha permesso di risparmiare energie preziose e l'accelerata finale di Vendrame ha finalizzato il grande lavoro di tutto il team" ha sottolineato Luciano Rui, orgoglioso per il primo successo internazionale conquistato dai propri ragazzi "E non è ancora finita. Domani ci aspetta il Palio del Recioto e, vista la condizione dei nostri ragazzi, abbiamo il dovere di provare a sfruttare nel migliore dei modi questo momento magico".

POKER ZALF A BAGNOLO DI NOGAROLE ROCCA - Una gara veloce, spettacolare e sempre vivace quella che ha spento la settantesima candelina del Memorial Gino Visentini in una tiepida giornata primaverile che ha richiamato a bordo strada il pubblico delle grandi occasioni. Le ultime tornate sono state tutte griffate Zalf con il treno della compagine trevigiana a guidare il gruppo sino all'ultima curva da dove sono sbucati in testa Andrea Toniatti, Marco Maronese, Marco Gaggia e Gianmarco Begnoni. I quattro alfieri Zalf hanno conservato le prime posizioni sin sulla fettuccia bianca del traguardo lasciando solo le briciole agli avversari.

"Oggi i ragazzi hanno fatto un treno perfetto. Negli ultimi quattrocento metri ci siamo presentati con quattro uomini a disposizione così come avevamo deciso di fare nella riunione tecnica prima del via e il risultato è una conseguenza di questo lavoro" ha commentato il ds Gianni Faresin al termine della corsa "La forza di questa squadra è il gruppo. Nei primi mesi del 2015 abbiamo centrato nove successi con nove atleti diversi: questi numeri sono la prova del potenziale della rosa che abbiamo a disposizione".